Come ottimizzare il crawl budget

Il budget di ricerca per indicizzazione è un concetto chiave per i professionisti SEO perché la gestione errata del budget di ricerca per indicizzazione del tuo sito web può portare a Google a non indicizzare le pagine del tuo sito e, in definitiva, a perdere prezioso traffico di ricerca sul tuo sito.

Sebbene la maggior parte dei siti non debba preoccuparsi del budget di scansione, se gestisci un sito Web con più di 500.000 pagine, devi concentrarti sull’ottimizzazione del budget di scansione del tuo sito.

Alcune cose che possono influire sul budget di scansione del tuo sito sono:

  • Contenuto duplicato in loco
  • Pagine con errori soft
  • Contenuti di bassa qualità e spam
  • Navigazioni sfaccettate e parametri URL
  • Pagine compromesse.

L’approccio migliore per ottimizzare il budget di ricerca per indicizzazione è iniziare con il miglioramento della velocità complessiva del sito e la semplificazione della struttura del sito in quanto entrambi aiuteranno sia gli utenti che Googlebot. Quindi lavora sui collegamenti interni, risolvi i problemi di contenuto duplicato e rimuovi le catene di reindirizzamento.

Migliora la velocità del sito. Google afferma che “rendere un sito più veloce migliora l’esperienza degli utenti e allo stesso tempo aumenta la velocità di scansione”. Quindi, abilita la compressione, rimuovi JS che blocca il rendering, sfrutta la memorizzazione nella cache del browser e ottimizza le immagini per dare a Googlebot il tempo di visitare e indicizzare tutte le tue pagine.

Semplifica l’architettura del sito Web. Strutturare il sito Web strato per strato, iniziando con la pagina iniziale, quindi categorie / tag e infine le pagine di contenuto. Controlla la struttura del tuo sito, organizza le pagine attorno agli argomenti e utilizza i collegamenti interni per guidare i crawler.

Evita le pagine orfane. Dato che le pagine orfane non hanno collegamenti esterni o interni e nessuna connessione diretta con il Web, Google fa davvero fatica a trovare queste pagine.

Limita il contenuto duplicato. Tutti, incluso Google, desiderano solo contenuti unici e di qualità. Quindi, implementa correttamente i tag canonici, noindex categorie / tag page e limita gli URL con parametri.

Rimuovere le catene di reindirizzamento. I reindirizzamenti, specialmente in siti di grandi dimensioni, sono molto comuni. Ma i reindirizzamenti che hanno più di tre hop possono creare problemi a Googlebot. Utilizzare un analizzatore di log per trovare reindirizzamenti e risolverli puntando il primo URL all’ultimo della catena.

Usa collegamenti interni. Google dà la priorità alle pagine con molti link esterni e interni, ma non è possibile ottenere backlink per ogni singola pagina del sito. Con un corretto collegamento interno, Googlebot può raggiungere ogni pagina del sito Web.

Se hai a che fare con un sito enorme (un grande marchio di e-commerce, ad esempio), il budget per la scansione sarà una cosa importante da tenere a mente.

By | 2020-05-15T09:48:23+00:00 Maggio 15th, 2020|News|0 Comments

About the Author: